Le acque termali e le loro caratteristiche

Tutti noi siamo al corrente di quanto sia importante, il ruolo dell’acqua nello sviluppo della vita sul pianeta. L’acqua è infatti il composto chimico più diffuso in natura e la componente principale dell’organismo umano.

L’acqua totale corporea è presente nell’organismo umano secondo una distribuzione che prevede il 67% della sua manifestazione corporea all’interno delle cellule e per il 33% all’esterno.

Con questo articolo cercheremo di analizzare nel dettaglio l’importanza dell’elemento acqua e l’importanza delle acque termali e le loro caratteristiche distintive.

L’acqua in natura:

L’acqua in natura si trova principalmente mista a sostanze disciolte allo stato ionico (sali minerali), allo stato gassoso e in forma non ionica.
Gli effetti benefici dell’acqua sono stati codificati nell’ultimo secolo, grazie crescente possibilità di condurre dettagliate analisi specifiche in merito, che hanno portato alla scoperta di numerosi effetti terapeutici delle varie tipologie di acque sull’organismo.

Acque termali:

Grazie quindi alle recenti scoperte scientifiche, le acque termali, hanno potuto ottenere la definitiva consacrazione in quanto acque curative e terapeutiche per il nostro organismo.

Questo ha permesso anche di creare una classificazione, che ha permesso alle strutture termali di differenziare i trattamenti sulla base delle diverse proprietà possedute dalle diverse acque termali.

 

Classificazione delle acque termali:

Caratteri generali:

-colore
-odore
-sapore
-limpidità
-colloidi

 

Analisi chimico fisiche:

 

-temperatura
-densità
-indice di rifrazione
-abbassamento crioscopico
-pressione osmotica
-conducibilità elettrica
-PH
-radioattività

 

Analisi chimiche:

 

-residuo fisso a 100°C e a 180°C
-al rosso scuro
-ammoniaca, nitriti, nitrati
-ossigeno
-idrogeno solforato
-durezza
-alcalinità
-arsenico
-ozono
-azione catalitica
-reazione al cloridrato di benzidina
-gas disciolti

 

La classificazione delle acque termali e minerali:

 

-Acque minerali: Le più note acque termali rientrano in questo gruppo, è consigliata la loro assunzione sotto controllo medico.
-Acque oligominerali: Sono le migliori acque termali da bere, poiché esercitano un’azione di lavaggio e drenaggio dei reni.
-Acque mediominerali: Acque termali ricche di bicarbonati, con una spiccata azione diuretica che diminuisce all’aumentare del residuo fisso.
-Acque salse o Cloruro-Sodiche: Acque termali con una grande concentrazione di cloruro e sodio.
-Acque Solfuree: Contengono zolfo e una quantità superiore ad 1mg per litro di acido solfidrico.
-Acque arsenicali-ferruginose: Acque termali che contengono ferro in grande abbondanza e arsenico in quantità infinitesimali.
-Acque bicarbonate: Originate da rocce calcaree, sono le acque termali più diffuse in natura. Contengono prevalentemente bicarbonati, calcio, solfati, sodio e magnesio.
-Acque solfate: Lo zolfo è l’elemento principe di questa tipologia di acque.
-Acque carboniche: Acque termali con una grande presenza di anidrite carbonica libera, in quantità tali da poterne fare una classificazione a parte.
-Acque Salso-Bromo-Iodiche: Acque termali di origine marina, contengono cloruro di sodio e altri minerali in diversa concentrazione.

 

Conclusione:

 

Le acque termali, grazie alla loro grande varietà, dovuta alla ricchezza dei minerali che vi sono disciolti in natura, ci permettono di beneficiare di diverse proprietà terapeutiche, dovute principalmente alle diverse caratteristiche che ogni acqua termale presenta. Conoscendo le varie tipologie di acque termali, avremo sicuramente un valido strumento per riuscire a capire quale acqua sia più giusto utilizzare per noi.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on reddit
Share on skype
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Altri articoli

Effetti benefici dell’ananas: frutta fresca alle terme

Cure Idropiniche Terme in Toscana

Acque Termali Caratteristiche

Vitamine per la pelle: il segreto per una pelle sana

Raggi UV : Cosa Sono i Raggi Ultravioletti e gli Effetti sulla Pelle

Cloruro di Sodio. L’Acqua Santa ha un basso contenuto di sodio

Torna su