La prima chiancianese con due protesi di ginocchio in contemporanea: “Intervento avveniristico”

Il chirurgo Marco Chillemi visita presso le Terme di Chianciano

pubblicato il 21/03/2016 12:54:12
E’ la prima volta che una chiancianese si sottopone all’intervento bilaterale simultaneo di artroprotesi delle ginocchia. Ad essere operata con questa modalità per entrambe le ginocchia insieme, è stata nei giorni scorsi una signora di 72 anni, Maria Agnese Peruzzi Betti, che il giorno dopo l'operazione già camminava e adesso – dopo solo qualche giorno di riabilitazione con i terapisti di Terme di Chianciano - si muove già senza problemi.

«Ringrazio il professor Giuliano Cerulli (in foto) ed il Dott Marco Chillemi - dice la signora- che hanno eseguito l'intervento e mi hanno letteralmente rimesso al mondo. Forse anche a causa di tanti anni di attività lavorativa in macelleria, avevo infatti dolore ad entrambe le ginocchia e difficoltà enormi a camminare, che ho superato grazie a questa operazione".

A spiegare i vantaggi della protesizzazione bilaterale è proprio Marco Chillemi, medico ortopedico presso le Terme di Chianciano .

«Nelle persone con gonartrosi bilaterale sintomatica, candidate all’intervento chirurgico, viene di buona norma consigliato un intervento chirurgico bilaterale in 2 tempi a distanza di circa 6 mesi – 1 anno. In persone selezionate, con un basso rischio anestesiologico e senza importanti comorbidità, si può consigliare l’intervento chirurgico bilaterale in contemporanea. I vantaggi di questa tecnica sono un miglior recupero funzionale, un minor rischio infettivo complessivo e un risparmio complessivo al sistema sanitario nazionale. Gli svantaggi sono un maggior tasso di complicanze e mortalità perioperatoria. Per tale motivo non tutte le persone con gonartrosi bilaterale sono candidabili all’intervento in contemporanea, ma è necessario effettuare una corretta selezione».

In Toscana, a Lucca il primo intervento del genere fu effettuato lo scorso anno, il sei luglio 2015. Se l’intervento di protesi al ginocchio è ormai da considerare una procedura di routine, sono ben pochi, invece, i centri italiani attrezzati per eseguire la doppia operazione in contemporanea. Questo è possibile grazie alla qualità del team che segue l’utente prima, durante e dopo l’operazione, in particolare a tutti gli operatori impegnati a garantire un’assistenza anestesiologica, infermieristica e riabilitativa di qualità con pochi uguali nel panorama nazionale.

Infoline 848800243