848 800 243 Ufficio Booking (tutti i giorni 9-19)
NEWS
Fangobalneoterapia nel trattamento della artrosi bilaterale del ginocchio

Fangobalneoterapia nel trattamento della artrosi bilaterale del ginocchio

pubblicato il24/10/2016 09:31:30 sezione "News"

Sono stati recentemente pubblicati su Arthritis Care & Research, una prestigiosa rivista scientifica internazionale, i risultati dello studio clinico finalizzato a valutare l’efficacia clinica e il rapporto costo-efficacia della fangobalneoterapia, in aggiunta alla terapia convenzionale, nel trattamento dell’artrosi a carico delle ginocchia.
I fanghi termali sono indicati nelle reumoartropatie e nelle lesioni post traumatiche e nelle osteoporosi. Con questa particolare terapia si punta a ridurre il dolore e a migliorare la funzionalità articolare nonché a rallentare la progressione della malattia. 
I fanghi termali, che ricoprono le articolazioni con uno spessore di circa 5 cm, possono essere applicati sia in tutto il corpo che nella parte specifica, per un periodo di 15/20 minuti. A seguito degli impacchi viene effettuata una doccia e un bagno in acqua termale la cui durata può variare in base ai casi e alle condizioni del soggetto e comunque secondo le indicazioni del medico a seguito della visita termale.
Lo studio, finanziato dalla Regione Toscana, è stato coordinato dal professor Mauro Galeazzi e dalla dottoressa Antonella Fioravanti, dell’UOC di Reumatologia di Siena ed è stato condotto presso le Terme di Chianciano. L’analisi economica è stata elaborata dalla dottoressa Oriana Ciani del CeRGAS dell’Università Bocconi di Milano.
A distanza di un anno, i pazienti che hanno ricevuto il trattamento di fangobalneoterapia hanno mostrato una riduzione della sintomatologia dolorosa, un miglioramento della capacità funzionali e della qualità di vita. E’ stato anche riportato un minore consumo di farmaci sintomatici (antidolorifici e antinfiammatori), con minori effetti collaterali principalmente a livello gastrico, e soprattutto un profilo economico favorevole. L’analisi ha mostrato infatti un notevole risparmio dei costi generali inerenti la malattia artrosica. In media, il costo per ogni paziente sottoposto a trattamento termale nell’arco di un anno era di 303 € contro i 975 € per ogni paziente trattato in maniera convenzionale, con un risparmio di 672 €.
Questi risultati mostrano come l’uso della fangobalneoterapia, in aggiunta alla terapia convenzionale per l’artrosi del ginocchio, sia una strategia al tempo stesso più efficace e meno costosa nel medio e lungo termine e ne supportano l’uso come terapia complementare.
Tali considerazioni appaiono di particolare interesse qualora si consideri la notevole frequenza dell’artrosi, che colpisce più del 10% della nostra popolazione con un notevole impatto socio-economico.













Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

CURA IDROPINICA

Scoprila alle Terme di Chianciano

"IL PRIMO MARZO LE TERME SENSORIALI NELLO SPECIALE TG UNO” h. 23.25


CIPRESSI E TERME IN TOSCANA

La magia di un territorio caratterizzata da una natura unica.

ACQUA FUCOLI AL PARCO ACQUA SANTA

Dal 18 Aprile inizia la stagione 2015

I 5 riti tibetani: esercizi per attivare la tua energia

GIARDINI PROTAGONISTI A CHIANCIANO TERME

In Toscana arriva il Garden Festival